Armenia
 Home
  Chi siamo
  Viaggi
  Viaggio in Maramures
  Romania
  Bulgaria
  Polonia
  Moldavia
  Ucraina
  Armenia
  Volontariato
  Collaborazioni
  Partner
  Novità
  Dove siamo
  Contatti
  Mappa del sito
¬izia1=Viaggi dei Paesi dell'Europa dell'Est ¬izia2=Volontariato ¬izia3=Incontri di formazione ¬izia4=Promozione sociale&

      

 

La Repubblica d’Armenia è situata al sud-est dell’Europa, confina con l’ Azerbaigian , la Georgia , la Turchia ed al sud con l’ Iran ; ha una superficie di 29.800 km2 e conta circa 3,8 milioni di abitanti. Circa altrettanti armeni vivono in altri paesi del mondo. La lingua è l’Armeno; la maggior parte della popolazione parla anche russo e inglese. La lingua armena costituisce un ramo a sé nel ceppo delle lingue indoeuropee. All’inizio del quinto secolo gli Armeni crearono il loro alfabeto. L’Armenia ottenne la sua indipendenza nel 1991 dopo esser stata una delle repubbliche sovietiche più di 70 anni.

La Pianura di Ararat è la culla della vita culturale, economica e politica del popolo armeno da tempi molto remoti. Nona caso molte delle capitali dell’Armenia (Artashat, Vagharshabat, Echmiadzin, Dvin) compresa quella attuale, vennero fondate proprio in questa pianura. Il 60% del territorio armeno è costituito da terreni incolti. La fertilità del resto è data dagli sforzi duri della popolazione. È forse questa la ragione per cui si dice che gli armeni “spremono” pane dalle pietre… Nell’anno 301 l’Armenia fu il primo paese al mondo ad adottare ufficialmente il cristianesimo come religione di stato. Nell’anno 2001 il paese celebrava il 1700° anniversario dell’adozione del cristianesimo.

 

LINGUA: Armeno (uff.), Curdo, Russo.

L’armeno fa parte del ceppo delle lingue indoeuropee e costitusce un gruppo a sé. Pur senza aver dato origine a lingue subalterne, contrariamente a ciò che avvenne nelle altre famiglie indoeuropee, l’armeno rimase sempre nell’ambito di una sola nazione, politicamente non dominante, dell’impero ottomano. Nel 405 il monaco ed erudito Mesrop Mashtots (361-440) inventò l’alfabeto armeno e fino ad oggi questo sistema di scrittura è in uso senza cambiamenti di rilievo.

 

RELIGIONE

L'Armenia è un paese a maggioranza cristiana. La Chiesa armena vanta una tradizione antichissima, che risale al III secolo d.C (l'Armenia è infatti considerata la prima nazione al mondo ad aver adottato, nel 301, il cristianesimo come religione ufficiale). Circa il 95% degli armeni appartiene alla Chiesa Apostolica Armena, che professa un cristianesimo di tipo ortodosso, orientale e non-calcedoniano. Fortemente conservatrice e ritualistica, la Chiesa armena è per questo vicina a quella copta e a quella siriaca. Esistono poi piccole minoranze di protestanti evangelici, di cattolici (i quali fanno riferimento alla Chiesa armeno-cattolica, il cui centro spirituale è Bzoummar, in Libano) e di praticanti gli antichissimi culti tradizionali. Gli Yazidi, che vivono nella zona occidentale del paese, praticano una particolare religione nota come “yazidismo”. I curdi e gli azeri che un tempo vivevano nel paese praticavano l'Islam; tuttavia molti di essi hanno abbandonato l'Armenia in seguito al conflitto con l'Azerbaijan. Dal canto suo, a causa della guerra l'Armenia ha ricevuto numerosi profughi armeni in fuga dall'Azerbaijan.

 

ACQUISTI: in Armenia i negozi vi propongono una grande scelta di diversi souvenir e regali compreso anche il famoso cognac armeno. Tutti gli ospiti, a cui interessano gli acquisti dei souvenir armeni, hanno in Armenia il loro luogo preferito: Vernissage, fiera all’aria aperta che si trova nelle vicinanze di Piazza della Repubblica. Ogni sabato e domenica si possono trovare tutti gli articoli possibili dell’artigianato: tappeti, magnifiche sculture in legno e pietra, prodotti di ceramica, quadri, disegni di pittori armeni. I prodotti d’argento e d’oro a 14, 18 e 22 carati hanno costi contenuti.

Si trovano anche dei lustrini blu di vetro che, secondo la leggenda, difendono dal malocchio. Nel centro commerciale Sil Plaza ci sono molti negozi, botteghe e un piccolo caffè dove ci si può riposare durante le spese. La fiera Kilikia che si trova vicino allo stadio Hrazdan propone un largo assortimento di diversi prodotti. Nel supermercato Hayastan si possono fare tutte le spese necessarie: dagli apparecchi elettronici fino alle lenzuola e la cosmetica. E tutto a buon mercato.

 

CUCINA: In Armenia i piatti più popolari sono: shish-kebab, shashlik, insalate, pane nazionale lavash, dolma (il riso e la carne macinata arrottolati nelle foglie di vite o di cavolo). Per quanto riguarda le bevande, gli Armeni preferiscono i succhi di frutta, il vino, il cognac e il tan (bevanda di yogurt). La carne più consumata è quella di agnello e il kashlama, o agnello bollito. Le trote del lago Sevan sono ottime. La frutta e la verdura non sono difficili da trovare. I fagioli, i ceci, le melanzane, lo yogurt, il tabouleh e altri piatti comuni in Medio Oriente si trovano normalmente anche in Armenia. Il cognac locale, o brandy, è di prima qualità e si dice che Winston Churchill preferisse la varietà armena a quella francese.

 

DOCUMENTI E VISTI: per arrivare in Armenia voi avete bisogno di un visto che può essere chiesto all’Ambasciata d’Armenia nel vostro paese o proprio all’aeroporto. Per quanto riguarda le altre formalità, è la polizia di frontiera che ne prende le responsabilità. Occorre essere in possesso del passaporto con validità di almeno 6 mesi.

 

VALUTA: il corso della moneta nazionale – dram – è determinato per il suo rapporto al dollaro americano. Questo esclude il cambio al mercato nero. La moneta spicciola si chiama luma. Un dram corrisponde a 100 luma; il corso medio del cambio è uguale a 575 dram per un dollaro americano.

 

BANCHE E CAMBIO: per cambiare la moneta potete trovare diversi uffici di cambio in tutta la città. Nelle grandi banche e in molti alberghi si possono cambiare gli eurochèque. Tutti gli alberghi internazionali ed anche parecchi negozi e ristoranti accettano la carta di credito (American Express, Visa, Euro/Master Card) aggiungendo spesso le commissioni per l’operazione della banca.

 

DOGANA: si possono importare ed esportare senza nessuna dichiarazione i beni personali. Invece per la valuta nazionale o straniera bisogna assolutamente compilare il modulo della dichiarazione.

 

CLIMA: il clima in Armenia è secco continentale. Gli inverni sono lunghi e freddi, le estati calde. A gennaio la temperatura varia fra -12° C e -15° C, ma a volte essa può anche abbassarsi fino a -30° C. A luglio la temperatura è +10° C nelle regioni montagnose e circa +22° C sui territori piatti. Le precipitazioni atmosferiche variano da 20 a 80 cm. Le cime più alti dell’Armenia sono coperte di neve perenne.

 

FUSO ORARIO: in Armenia il fuso orario è +3 in rapporto a Greenwich. Vuol dire che i turisti che arrivano dall’Europa possono mettere l’orologio tre ore in avanti.

 

PREFISSO TELEFONICO: 00374.

 

TRASPORTI INTERNI: gli autobus sono la forma di trasporto più affidabile e servono quasi tutte le località della repubblica, anche quelle dove i treni non arrivano. Il carburante però è caro, a causa del blocco imposto dagli azeri, quindi i prezzi dei trasporti non risultano molto convenienti. È possibile noleggiare un’automobile, che è un mezzo eccellente per visitare il paese, ma bisogna fare attenzione alla circolazione sulle strade.

 

ELETTRICITÀ: La potenza è 220 W, la frequenza - 50 Hz.

 

 

Via Brugnago 7/ 22070 CAPIAGO INTIMIANO (CO)/ Tel.+39 031462324 Email: info@stradedellest.org
Design Art Imaging ©2019 login release: 16/12/2008 - 19.22.11
Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.